Spinazzola: chiudono due scuole, bambini accalcati nel plesso elementari, genitori chiedono intervento immediato

SPINAZZOLA (BAT) di Maria Luisa Troisi

 

 

Una petizione che punta alla riapertura di due strutture scolastiche, dell'infanzia e media, di Spinazzola. Questo è il contenuto della proposta avviata da un gruppo di genitori che si rivolgono non solo alle istituzioni, ma anche ai mezzi di informazione.

Scuola dell'infanzia, primaria e media insieme. Un unico plesso che però era adibito fino a pochi giorni fa solo alla primaria. Siamo a Spinazzola, Comune della Bat di poco più di 6.600 abitanti. La pioggia torrenziale di settembre allaga la scuola primaria Giuseppe Mazzini, facendo crollare un solaio, proprio quella che, però, ora ospita i bambini dell'infanzia don  Michele Botta  e della scuola Media R. De Cesare. A settembre infatti un movimento civile, chiede di far chiudere le due strutture, infanzia e medie, con sgombero immediato. I tecnici del Comune starebbero effettuando dei controlli per verificare l'agibilità della struttura anche in relazione al pericolo terremoti. Ma, c'è da chiedersi, come mai proprio ora, dopo anni di effettiva operatività? E poi, come mai la scuola primaria, seppur allagata di recente e che ha subito un crollo, solo perché di più recente costruzione sarebbe più sicura per ospitare molti più alunni rispetto al previsto? I problemi per così tanti alunni, sistemati provvisoriamente nella scuola elementare Giuseppe Mazzini, sono tanti. Innanzitutto le età diverse. Bambini di 3 anni che convivono con alunni delle elementari e ragazzi delle medie, il che vuol dire esigenze diverse, problemi diversi, situazioni al limite sia delle norme igienico- sanitarie, come la difficile convivenza tra le diverse età degli scolari e studenti. Senza considerare che la mensa è stata allestita al piano superiore della struttura con evidenti rischi quotidiani di caduta per i piccoli commensali. Ma ciò che preoccupa di più è la situazione nelle classi. Visto che gli spazi erano ristretti hanno dovuto accorpare le due sezioni in un'unica aula con il risultato che ci sono classi di 35 bambini con 4 maestre che non riescono a svolgere il proprio lavoro con serenità. Caos, disordine e poco spazio non consentono alla didattica di andare avanti e i bambini sono sempre irrequieti.  A chiedere con una petizione di riaprire le due strutture scolastiche di Spinazzola un gruppo di genitori i cui referenti sono referenti Marco Patruno e Karin Barone.