Rutigliano, l'uva "regina" della  52esima sagra

BARI di Redazione AntennaSud 

 

Convegni, gastronomia ed eventi musicali.  Questa la 52ma edizione della sagra dell’uva che si è tenuta nel fine settimana a Rutigliano. Una sagra che capita  in una annata non proprio favorevole per  l’oro giallo del Sud Est barese, sia per il mercato che per il maltempo che ha compromesso buona parte del raccolto.  

 

Nonostante le avversità, i produttori sono sempre ottimisti. E le numerose aziende agricole che da Rutigliano esportano uva in tutta Europa hanno confermato la loro partecipazione alla sagra. Una sagra giunta alla sua 52esima edizione, nata nel 1960, curata dal comitato promotore e dal Comune, con il patrocinio della Città metropolitana  e della Regione, in collaborazione con la Pro Loco.  Durante il week end sono state coinvolte tutte le associazioni di volontariato con stand dedicati all’uva e alla raccolta fondi per scopi sociali.  Tra le novità della 52ma edizione una ciclo pedalata tra le vigne e un convegno sugli strumenti di  comunicazione e valorizzazione dell’uva da tavola, con la presenza di Michele Mirabella e di esperti di comunicazione.  La kermesse accompagnata da esposizioni di artigianato, collettive d’arte, mostre fotografiche, show coking all’aperto. Infine le aperture straordinarie del museo del Fischietto e quello di arte sacra.