Serie D girone I, Gela regolarmente in campo contro il Messina dopo la minaccia di ritiro. Squadra con la società

Condividi

Il girone I del campionato di serie D potrebbe perdere una squadra. Nel caso non si smuovessero le acque, nel raggruppamento dominato al momento dal Bari di Cornacchini non ci sarà più il Gela, terzo in classifica con 8 punti e nessuna sconfitta fin adesso. La famiglia Mendola, proprietaria della squadra allenata da Karel Zeman, figlio dell’ex tecnico di Foggia, Roma e Lazio, ha dichiarato di non riuscire a supportare una squadra costretta dalla parziale inagibilità dello stadio a giocare a porte chiuse allo stadio Presti. “Non sempre i sogni si realizzano, ma non si deve mai rimanere da soli a sognare. Questa dirigenza e la mia famiglia, dal 2016 investono nel Calcio e nel territorio di Gela senza che il territorio abbia dato qualcosa o sostenuto le nostre imprese, ma solo per la gelesità che ci ha sempre contraddistinti e il vanto di essere cittadini di questa città. Oggi ci rendiamo conto che siamo soli” uno stralcio del comunicato della società gelese, che ha annunciato di liberare giocatori e staff. Alle parole al momento non sono seguiti i fatti, la squadra è regolarmente scesa in campo per la Coppa Italia di serie D contro il Messina, uscendo sconfitta ai rigori. I calciatori in una nota hanno espresso la volontà di onorare gli impegni presi e di continuare ad allenarsi e a disputare le gare in calendario, nonchè di appoggiare tutte le azioni che la società metterà in campo per sollecitare la riapertura dello stadio”. Bari e tifosi sono alla finestra, ad assistere all’ennesimo episodio di una stagione che sta facendo parlare più per quanto accade sulle scrivanie che sui campi.

Nessun commento ancora

Lascia un commento