Monopoli, per l’attacco si pensa a Mendicino

Condividi

Si chiude la seconda parte del ritiro per il Monopoli che dopo i 16 giorni passati a Latronico e i 9 ad Alberobello lascerà la città dei trulli per concedersi il giusto riposo fino a ferragosto. Quattro giorni liberi, dopo l'amichevole di sabato mattina contro la Beretti, dettati anche dal sicuro slittamento dell’inizio del campionato, che prenderà il via presumibilmente il 2 o il 9 settembre. A tenere banco in casa biancoverde la ricerca dell’attaccante e il documento firmato, assieme ad altre 12 società di serie C, per richiedere la non ammissione al campionato di terza serie di squadre che non rispecchino i requisiti. Il documento è stato inviato dalle società che verosimilmente finiranno nel girone C ed è un chiaro riferimento ai casi Bari, Messina e Taranto. Una squadra come quella biancorossa complicherebbe gli obiettivi di tante pretendenti all’alta classifica, Catanzaro in primis, ma anche Casertana, Trapani e Monopoli, che si sono opposte minacciando iniziative di protesta anche eclatanti come il ritiro della squadra del campionato. Sull’altro piatto della bilancia un maggior guadagno in termini di immagine e incassi al botteghino, che non è bastato però al presidente Mastronardi per astenersi dalla firma del documento. Nulla contro la nuova società e De Laurentis, fanno sapere da Monopoli, ma chi ha sbagliato come il vecchio patron del Bari, è giusto che ne paghi le conseguenze, così come quei fornitori che ora si trovano in difficoltà a causa dei mancati pagamenti. Si creerebbero pericolosi precedenti che indurrebbero tante società a fare passi più lunghi della gamba mettendo in difficoltà l’intero movimento. Sul fronte mercato si cerca di blindare Sounas, per il quale non sono arrivate proposte interessanti, mentre è sempre forte la pressione su Jovanovic e Salvemini, mentre dal Cosenza potrebbe arrivare Mendicino. Il forte attaccante scuola Lazio è conteso da mezza serie C, ma proprio le ottime referenze della società biancoverde potrebbero spingerlo ad accettare il progetto del gabbiano.

Nessun commento ancora

Lascia un commento