Eurispes, gioco legale: Il distanziometro è inutile

Condividi

Proibizionismo e para-proibizionismo altro non sono che l’anticamera del gioco illegale gestito dai clan malavitosi. Un allarme che non annulla quello relativo ai rischi di azzardopatia ma non può nemmeno rimanere inascoltato. Lo ha dichiarato Antonio De Donno procuratore di Brindisi e presidente del Comitato Scientifico Osservatorio Eurispes su giochi legalità e patologie in occasione della presentazione a Bari del rapporto Eurispes sul gioco legale e dipendenze in Puglia.

Nessun commento ancora

Lascia un commento