Bari, nuova proprietà: ecco le cordate in lizza

Condividi

Da Radrizzani e Napoli, a Blasi, a Canonico per finire con un gruppo di industriali baresi che si costituirà sotto la regia di Domenico De Bartolomeo. Sono tanti i nomi accostati al Bari, per una rinascita che potrebbe sancire un momento fondamentale nella storia del calcio nel capoluogo. L’ultima indiscrezione riguarda un gruppo di venti imprenditori baresi, messi insieme dall’imprenditore edile Domenico De Bartolomeo, che formalizzerà la sua proposta al sindaco nella giornata di lunedì. Una formazione solida che, qualora fossero confermate le indiscrezioni, scinderebbe la parte dirigenziale dalla proprietà costituendo un consiglio d’amministrazione formato da tre persone esterne volte a curare soltanto gli interessi della società.

Non sembra essere tramontata nemmeno l’ipotesi che porta ad un coinvolgimento dell’ingegner Ferdinando Napoli, titolare di Edilportale.com, che sta lavorando per portare al sindaco una valida proposta, condivisa con altri imprenditori tra cui non è esclusa definitivamente la presenza di Andrea Radrizzani. Traspare prudenza, invece, nell’entourage di Luigi Blasi. L’imprenditore tarantino non vuole commentare la notizia, mentre Vittorio Galigani, dirigente legato a lui nelle precedenti avventure calcistiche, sostiene che l’interesse eventuale di Blasi per il calcio a Bari possa essere una delle migliori soluzioni per il rilancio. Non sembra mollare la presa anche Nicola Canonico. Dopo tre giorni di riflessione il patron del bisceglie è chiamato a dare risposte alla città dei dolmen e a quella barese, che dopo la chiusura totale di lunedì scorso, aspetta con impazienza la nuova proprietà.

Nessun commento ancora

Lascia un commento