Incendio a bordo di nave cisterna a Taranto, due marittimi ustionati

TARANTO di Redazione AntennaSud

 

Un incendio è divampato a bordo della nave cisterna (bunkering tanker) "Mercuria", al primo sporgente del porto di Taranto. Due membri dell'equipaggio hanno riportato ustioni, ma non sono in gravi condizioni. Le fiamme sono state domate dai vigili del fuoco. Sul posto i militari della Capitaneria di porto per ricostruire la dinamica dell'accaduto e mezzi per mettere in sicurezza l'area e verificare eventuale dispersione di materiale in mare.

Prima la forte deflagrazione proveniente dalla motocisterna bettolina 'Mercuria', poi le fiamme e l'intenso fumo nero che hanno avvolto lo scafo. Immediato l'intervento della capitaneria di porto che ha disposto l'invio di tre motovedette, oltre che di personale via terra. Tre rimorchiatori hanno provveduto a raffreddare le paratie e le sovrastrutture della nave con gli idranti, riuscendo in tal modo a spegnere l'incendio dopo circa dieci minuti con la collaborazione dei vigili del fuoco.   Al momento della esplosione, a bordo della bettolina c'erano due membri dell'equipaggio, di 33 e 34 anni, che sono rimasti feriti. Immediatamente soccorsi dal personale del 118 allertato dalla sala operativa della Guardia costiera, i due marittimi sono stati trasportati in ospedale. Un di essi  presentava ustioni in più parti del corpo, mentre il secondo ferite molto più lievi. La Capitaneria di porto precisa che "nessun inquinamento è stato registrato nelle acque circostanti l'unità in conseguenza dell'evento. Di tutto l'accaduto è stata prontamente informata la locale Prefettura e l'autorità giudiziaria che ha disposto il sequestro penale dell'unità sino all'accertamento delle cause e responsabilità del sinistro". Sono in corso anche da parte della Capitaneria di porto gli accertamenti di polizia giudiziaria, oltre che di natura strettamente tecnica per comprendere le cause del grave incidente e le eventuali responsabilità.