Giovani avvocati di Taranto e Brindisi, si mobilita l'Ordine insieme al Microcredito

TARANTO/ BRINDISI di Redazione AntennaSud

 

 

Giovani avvocati alle prese con spese, incertezze e poche garanzie per avviare lavori in autonomia. Per far fronte alle loro incertezze per la prima volta in Italia gli Ordini degli avvocati di Taranto e Brindisi hanno siglato una convenzione con l'Ente nazionale per il microcredito. Sentiamo di che si tratta nel servizio.

"La crisi generale colpisce anche le professioni e i primi a farne le spese sono i giovani, non più attratti dalla professione. Aumentano le cancellazioni dagli albi professionali e diminuiscono le iscrizioni. L'accesso alla professione è sempre più difficile e il reddito procapite dei professionisti è in forte diminuzione".  Lo dichiarano in una nota i presidenti dell'ordine degli avvocati di Taranto e Brindisi Vincenzo Di Maggio e Carlo Panzuti che lanciano così la loro idea che sembra davvero utile a chi non ha garanzie da dare alle banche. Per "la prima volta in Italia" gli Ordini degli avvocati di Taranto e Brindisi hanno siglato una convenzione con l'Ente nazionale per il microcredito rivolta ai giovani avvocati cosiddetti "non bancabili", cioè professionisti titolari di partita Iva che non hanno garanzie bancarie.    Per far fronte alle difficoltà iniziali, che in concreto sono soprattutto di natura economica per i primi tempi, l'accordo siglato tra gli Ordini degli avvocati di Taranto e Brindisi e l'Ente nazionale per il microcredito, con la supervisione dell'Osservatorio nazionale sull'uso dei sistemi Adr, prevede la possibilità di offrire finanziamenti con la garanzia dello Stato fino a 35mila euro ai giovani avvocati, anche senza garanzie reali. Nel tasso di interesse è compreso un percorso di formazione, un tutoraggio, assistenza fiscale e tecnica. I finanziamenti possono essere utilizzati per formazione professionale, acquisto di beni materiali e perfino dell'auto.