Triggiano (Ba), muore bimbo di 6 anni in incidente stradale

BARI di Redazione AntennaSud

 

 

Sull’asfalto il corpo esanime di un bambino di sei anni. E’ l’immagine che si è presentata davanti agli occhi dei soccorritori in Corso Vittorio Emanuele a Triggiano, principale arteria cittadina che collega l’ospedale Fallacara con la stazione ferroviaria. 

Forse l’alta velocità, forse una manovra azzardata, forse la spericolatezza e in alcuni casi l’incoscienza. Prima la frenata per una decina di metri poi il fortissimo impatto con un’auto, una Lancia Y che aveva appena imboccato una strada secondaria. Il padre, un 26enne con piccoli precedenti, rimasto ferito, era in sella allo scooter, dietro portava il piccolo, quasi certamente senza casco. Il bambino è morto subito dopo: sbalzato dalla moto nel forte impatto ha battuto violentemente la nuca per terra. Il tragico incidente si è verificato intorno alle tre del pomeriggio, orario in cui il Corso diventa rettilineo preferito per prove di alta velocità. La dinamica resta da chiarire anche se, sulla base dei rilievi effettuati dai carabinieri, la vera causa dell’incidente sarebbe da attribuire ad una manovra azzardata da parte del padre del bambino. Il 26enne accelerando sulla corsia opposta, non è riuscito ad evitare l’impatto contro l’auto che stava imboccando via Marchese, una strada laterale del corso. Tutti hanno sentito il botto dovuto al fortissimo impatto dello scooter contro  l’auto guidata da una donna di 45 anni rimasta in stato di choc. C’è anche chi racconta di episodi di intemperanza dei familiari del piccolo che avrebbero danneggiato un’ambulanza in preda alla rabbia, alla disperazione e forse anche al senso di colpa. Nel frangente non sono mancate urla e minacce.