Truffa specchietto, foglio di via da Mesagne per due nomadi

MESAGNE di Redazione AntennaSud

 

Due nomadi, un uomo e una donna, sono stati denunciati a piede libero per tentata truffa dagli agenti di Polizia di Mesagne, nel brindisino. Per Angela D'Amico e Francesco Fiaschè, entrambi 27enni, originari della provincia di Siracusa, in Sicilia, è scattato il foglio di via con divieto di ritorno a Mesagne per tre anni.

I poliziotti li hanno colti in flagrante, mentre stavano per inscenare l'ennesima truffa dello specchietto. Due nomadi, un uomo e una donna, sono stati denunciati a piede libero per tentata truffa dagli agenti di Polizia di Mesagne, nel brindisino. Per Angela D'Amico e Francesco Fiaschè, entrambi 27enni, originari della provincia di Siracusa, in Sicilia, è scattato il foglio di via con divieto di ritorno a Mesagne per tre anni. A loro carico sono risultati altri precedenti di polizia dello stesso tipo.

A denunciare la truffa, qualche giorno fa, era stata una vittima che, mentre era alla guida della sua auto accanto ad un'Alfa 147 nera, aveva sentito un rumore. Dallo specchietto retrovisore aveva visto un uomo in moto che l'aveva raggiunto per chiedergli 10 o 20 euro a titolo di risarcimento, per aver subito la rottura di uno specchietto della moto provocato dall'impatto con la sua auto. La vittima si è rifiutata di pagare, ha contattato la polizia e ha riferito con esattezza il modello dell'auto nera che lo affiancava, il numero di targa e particolari sulle cinque persone a bordo, tre delle quali erano bambini. Le indicazioni hanno permesso di individuare la stessa auto con le stesse persone a bordo.

La tecnica della truffa è nota e sperimentata da anni: i nomadi cambiano spesso auto e commettono reati con figli piccoli al seguito, per intenerire le forze dell'ordine in caso vengano colti in flagranza di reato. Si appostano, scelgono la vittima di turno, simulano l’urto utilizzando un bastone o sferrando un pugno alla carrozzeria dell’altro veicolo. La Questura aveva ricevuto segnalazioni della truffa dello specchietto da vari centri del brindisino.