Puglia verso la normalità, dopo il maltempo

BARI di Redazione AntennaSud

 

La situazione meteorologica si va normalizzando in tutta la Puglia, dopo l'ondata di maltempo degli ultimi giorni. Ieri a Bari si è allagata la cripta della Basilica di San Nicola. Flagellato anche il brindisino. Sabato ad Ostuni è crollato un muro di circa due metri sotto la spinta dell’acqua.

Mentre la situazione meteorologica si va normalizzando in tutta la Puglia, dopo l'ondata di maltempo degli ultimi giorni, sul web circolano le immagini dei fedeli che ieri sera hanno aiutato i preti a spazzare via l'acqua che aveva invaso la cripta della Basilica di San Nicola, a Bari. I fedeli, insieme con i vigili del fuoco, si sono "armati" di scope per portare via l'acqua dalla chiesa del santo patrono della città.

Sempre a Bari vecchia sono stati numerosi i locali invasi dall'acqua, così come è accaduto nel quartiere Japigia. Per alcune ore sono stati chiusi alcuni sottovia.

La situazione sta tornando alla normalità anche nel brindisino, dove ieri si era spostato l'allarme meteo che aveva interessato il foggiano, dove tre giorni fa è morto un uomo di 65 anni travolto con la sua auto da acqua e fango.

Sabato, invece, ad Ostuni è crollato un muro di circa due metri sotto la spinta dell’acqua, nei pressi di Villa Nazareth, sulla provinciale che collega la Città Bianca a Villanova. Immagini simbolo della bomba d’acqua precipitata su tutto il brindisino, che ha provocato danni in particolare sulla fascia costiera, travolgendo i villaggi di Rosa Marina, Pilone e Diana Marina. Il fiume d’acqua ha costretto i villeggianti a trovare riparo sui tetti, mentre molti automobilisti sono rimasti impantanati nella vetture travolte dall’acqua e dal fango.

Con la fine delle piogge risalgono anche le temperature, oggi tra i 25 e i 29 gradi.