Sindaci ai fornelli, a Capurso vince la coppia Spina-Lovascio

Un appuntamento col gusto che però non ha dimenticato la solidarietà. A Capurso dieci sindaci si sono dati battaglia davanti ai fornelli, e tutti  hanno donato a titolo personale parte dei loro emolumenti in favore delle popolazioni duramente colpite dal terremoto nel centro Italia. Vediamo come è andata questa gara di culinaria che ha visto come protagonista anche il governatore pugliese Michele Emiliano alle prese con zeppole e panzerotti. 

 

 

Francesco Spina e Giuseppe Lovascio, rispettivamente sindaci di Bisceglie e Conversano, primeggiano nella quarta edizione di “Sindaci, ai fornelli!”, manifestazione tenutasi a Capurso fra l’entusiasmo del pubblico molto divertito. Il piatto della coppia Spina-Lovascio è risultata  la giusta composizione tra mare e terra nel nome della Puglia. “Laganari con  spigola, crema di melanzane e mozzarella affumicata con capocollo di Martina Franca croccante e scorza di limone grattuggiata, la pietanza premiata. Un mix che ha convinto la giuria stellata al cospetto di squadre molto agguerrite che per par condicio citiamo partendo da quella composta dal sindaco di Corato  Massimo Mazzilli e dal primo cittadino di San Giovanni Rotondo Costanzo Cascavilla, in terza squadra in campo il sindaco di Bari Antonio Decaro con Raimondo Innamorato, sindaco di Noicattaro. Quarta squadra composta dal sindaco di Triggiano Antonio Donatelli  e Giuliana Falaschi, sindaco di Citerna in provincia di Perugia.  A chiudere le formazioni Fiorenza Pascazio, Bitetto e il padrone di casa, il sindaco di Capurso Francesco Crudele. Un format unico quello di Sindaci ai Fornelli, evento organizzato ijn collaborazione con diverse associazioni dall'assessore alla cultura del Comune di Capurso Michele Laricchia, che ha coniugato la maestria degli chef pugliesi con l'estemporaneità dei sindaci i quali hanno dovuto sbrigarsela da soli pur potendo contare sul sostegno di chef suggeritori.  Mattatore della serata, fuori gara, "il sindaco di Puglia”, Michele Emiliano. Buona forchetta, la cosa è nota, ma a quanto pare anche ottimo cuoco. Insomma, lui, Michelone, sempre molto capace a tenere le mani in pasta. In tutti i sensi. I vincitori alla fine della serata sono stati sommersi di premi, ma a  coronare il tutto la torta a sorpresa con l'effigie di Sindaci ai Fornelli confezionata dal pasticcere Fabio Quaranta. Serata piacevolmente condotta in alternanza dalle varie postazioni dai giornalisti Silvia Di Pinto, Vito Prigigallo e Annamaria Natalicchio.