Il grande cuore della Taranta batte per le popolazioni terremotate

Un concertone insolito, quello di sabato sera a Melpignano. Un filo di solidarietà ed emozione ha legato il piazzale del convento degli Agostiniani con i luoghi terremotati di Umbria, Marche e Lazio. Una maratona di solidarietà per le popolazioni colpite dal sisma nel Centro Italia ha fatto vibrare di commozione i cuori delle 200mila persone in piazza per l'evento che ha chiuso la Notte della Taranta, e quelli dei telspettatori che hanno seguito il concerto in diretta su Rai5.

In tanti hanno risposto agli appelli a donare del maestro concertatore Carmen Consoli, e delle ospiti Fiorella Mannoia, Lisa Fischer, Nada e Tosca. Quest'ultima, sul palco, ha ricordato, commossa, di provenire dalle zone colpite e ha chiesto a tutti di dare il proprio contributo per "comprare un mattone" e "ricostruire la storia di quei paesi che non ci sono più".

Le donazioni nei salvadanai in piazza, riempiti soprattutto dai più giovani, e i proventi della vendita di un cd della serata, saranno devoluti al progetto "Puglia per la ricostruzione" con cui verrà realizzata un'infrastruttura nelle zone colpite dal terremoto. Per lo stesso scopo tutti gli artisti hanno devoluto il proprio cachet.