Agente aggredito nel carcere di Foggia

Un agente di polizia penitenziaria è stato aggredito ieri sera nel carcere di Foggia, nella sezione "protetti", da un detenuto extracomunitario. Lo rende noto in una nota il segretario generale aggiunto del sindacato di Polizia penitenziaria Osapp, Pasquale Montesano. Il detenuto, all'apertura della cella per essere accompagnato all'ufficio matricola, avrebbe colpito l'agente con il piede del tavolino in dotazione, procurandogli una ferita lacero contusa trattata con sei punti di sutura.

"Non sono più rinviabili - sottolinea l'Osapp - azioni di protesta ad oltranza, fino a quando politica e amministrazione centrale non interverranno in particolare per le strutture di Foggia, Lucera, Bari, Taranto e Lecce, dove esiste un grave problema di carenza di organico".

Nella nota si evidenzia "la strategia della tensione e della intimidazione che le organizzazioni criminali stanno adottando nei confronti degli agenti di polizia penitenziaria, pressoché abbandonati a se stessi, a gestire la precaria sicurezza delle carceri e il rispetto della legalità".