Il grano aureo degli agricoltori jonici è il "Top Quality" della produzione Barilla

TARANTO di Redazione AntennaSud

 

Si chiama grano aureo, ed è frutto di una ricerca del gruppo Barilla con un'azienda sementiera di Bologna. IL prodotto unisce l'impareggiabile qualità pastificatoria a una filiera di altissimo valore. L'obiettivo durante le fasi di ricerca era ottenere ua varietà di grano duro coltivata in Italia, in grado di garantire l'eccellenza di quei parametri tecnologici, come il contenuto proteico e forza del glutine, tale da caratterizzare quel grano come Top Quality, raggiungibile in genere solo in ambienti e condizioni climatiche molto particolari. 

Da due anni il "grabo Aureo" tarantino è sotto contratto con il Gruppo Barilla: è la buona notizia nella cosiddetta guerra del grano che in questi giorni vede i produttori sulle barricate per difendere il prezzo del frumento made in Italy. Grazie al Consorzio Global Fresh Fruit, da due anni alcuni produttori cerealicoli della Provincia jonica hanno stipulato un contratto di filiera in base al quale il Gruppo barilla, uno dei più importanti produttori di pasta al mondo, acquista tutto il raccoltodi frumento a un prezzo minimo garantito. Grazie al contratto di filiera il primo realizzato nel settore cerealicolo nel meridione il produttore avrà garantito un prezzo remunerativo rispetto al lavoro che andrà a realizzare , mentre il Gruppo Barilla disporrà di una certa quantità di grano aureo che potrà utilizzare nella produzione di Pasta Voiello che prevede l'esclusivo utilizzo di grano coltivato in Italia. Il Consorzio Global Fresh Fruitm, al quale quest'anno aderiranno 150 aziende, cerifica la qualità del prodotto, un fattore che rappresenta una granzia per il consumatore sulla tracciabilità e qualità del prodotto. Il Grano Aureo è macinato in Puglia, in un mulino di Altamura.