Tragedia Ferroviaria: Delrio, fatalità e gravi errori

ROMA di redazione AntennaSud

 

 

Nell’incidente ferroviario di Corato dello scorso 12 luglio «c'è stata una serie di errori che era quasi impossibile che si verificassero contemporaneamente, e c'è stata anche una serie di fatalità perché l’appalto per il raddoppio della linea era in corso». A dirlo è il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Graziano Delrio.

Durante la trasmissione Agorà, il ministro Delrio ha sottolineato che bisogna aspettare «che la magistratura accerti fino in fondo se ci sono ritardi colpevoli o omissioni, questo lo dobbiamo alle famiglie e alla vittime, non possiamo dimenticare quello che è successo a Trani, io non lo dimenticherò mai».

La fatalità in questo caso, «è determinata da una serie di errori molto gravi, teniamo presente che questo sistema considerato antiquato del blocco telefonico è un sistema che i ferrovieri difendono a spada tratta perché funziona bene da 100 anni, adesso però abbiamo sistemi molto più moderni che superano anche l'errore umano, perciò dobbiamo impegnarci a fare in modo che questa sicurezza aumenti, anche se quella nazionale è una delle reti ferroviarie più sicure al mondo», ha aggiunto Delrio.