Bari, sigilli alla spiaggia libera di Torre Quetta

BARI di Redazione AntennaSud 

 

Operazione degli uomini della Capitaneria di porto di Bari che questa mattina hanno posto i sigilli ad un'area di 400 metri quadrati della spiaggia libera di Torre Quetta, sul litorale sud.  L'area messa sotto sequestro è una porzione di spiaggia dove il Comune di Bari aveva dato in concessione alla cooperativa Splendor la possibilità di noleggiare attrezzature da spiaggia tra lettini e ombrelloni. 

Secondo quanto accertato dal personale della Capitaneria di porto, i concessionari dei servizi per i bagnanti avrebbero sistemato veri e propri basamenti per gli ombrelloni in modo abusivo, impedendo ad altri utenti di potersi sdraiare sui propri teli da mare o con le sedioline. Pare anche che qualcuno dei frequentatori avrebbe pagato in anticipo i servizi stipulando un accordo simile a un abbonamento per assicurarsi la disponibilità dello stesso ombrellone. Ulteriori irregolarità sono state riscontrate rispetto alla concessione per la creazione, sempre nella stessa area, di  chioschetti dati in subappalto a bar e pizzerie. La concessione di Torre Quetta alla ditta Splendor, affidata con bando pluriennale, è in regime di proroga fino a ottobre. Il Comune di Bari ha preferito garantire continuità per non compromettere la stagione. L'impresa guadagna da parcheggi, chioschi con i bar, affitto di ombrelloni e lettini. In cambio, deve assicurare manutenzione, vigilanza e la cura del verde.