Gli Islamici ci vogliono "rieducare" ? Dura la replica di Sasso (Noi con Salvini Puglia)

BARI di Redazione AntennaSud 

 

"Perplessità e dubbi" vengono espressi in una nota dal movimento politico 'Noi con Salvini Puglia' sui motivi della partecipazione, annunciata per oggi dalla comunità islamica pugliese, alle messe in chiese cattoliche.  "Curioso come - afferma Rossano Sasso, coordinatore regionale 'Noi con Salvini Puglia' - gli stessi predicatori islamici residenti a Bari che due giorni fa sono andati in tv, in diretta nazionale su Rete 4, a promettere al giornalista Facci azioni di 'rieducazione' e 'bonifica', adesso decidano di partecipare alle celebrazioni della messa. 

Qual è il vero volto del cosiddetto Islam moderato rappresentato anche a Bari? Quello che deve rispettare tutti i dettami del Corano, compresi quelli in cui si obbliga a punire gli 'infedeli', quello che va in televisione a pronunciare frasi del tipo 'siamo in Italia per rieducarvi e bonificare' o quello che domani andrà a messa in compagnia dei 'kuffar'?". Sasso, a nome del movimento, dice di non credere "all'esistenza dell'Islam moderato", ma aggiunge che "poiché siamo aperti al dialogo chiediamo di andare noi nella moschea di Bari, ad educare a valori come la tolleranza verso chi ha un credo religioso diverso, alla democrazia in questi giorni massacrata in Turchia da Erdogan, lo stesso Erdogan osannato dagli islamici pugliesi, o per finire, all'incompatibilità del velo alle donne con l'emancipazione delle nostre donne.  Siamo pronti da subito - conclude Sasso - ma nel frattempo chiediamo ancora una volta: prediche in italiano e non in arabo, un registro degli imam con notizie chiare e dettagliate, trasparenza sui finanziatori della moschea".