Inseguimento in mare della GdF, sequestrati 12 quintali di droga

BARI di Redazione AntennaSud

 

Inseguimento in mare di corrieri della droga e sequestro di 12 quintali di marjiuana per un valore sul mercato di circa 12 milioni di euro. E' il bilancio di una operazione condotta, giovedì notte, dalla Guardia di finanza nell'ambito di un dispositivo per contrastare l'immigrazione clandestina e i traffici di droga in Adriatico.  

I finanziari hanno notato al largo delle coste pugliesi un gommone che procedeva a velocità sostenuta. Al mezzo si sono avvicinate alcune motovedette per eseguire un controllo più accurato, ma gli scafisti a bordo del natante hanno aumentato la corsa lanciando il carico in acqua per garantirsi una maggiore velocità e vantaggio. Quindi hanno puntato verso la costatoccando terra nei pressi di Cala Corvino, vicino a Monopoli, e facendo poi perdere le loro tracce nonostante serrati controlli condotti, a tutt'oggi, a terra. Il gommone è stato abbandonato con la marcia avanti inserita e ha quindi cominciato a girare su se stesso. Grazie all'abilità dei componenti dell'equipaggio di una vedetta della Gdf è stato poi possibile arrestare la sua corsa: un finanziere è riuscito a saltare all'interno del gommone disinserendo la marcia e spegnendo il motore. Sul posto sono poi giunti antri equipaggi della Guardia di finanza che hanno recuperato dai fondali più di 80 colli con oltre 12 quintali di marijuana che, nel caso fosse arrivata sulle piazze di spaccio, avrebbe fruttato all'organizzazione criminale oltre 12 milioni di euro.  La droga e il gommone di circa 10 metri di lunghezza e dotato di due potenti motori da 350 cavalli l'uno, sono stati sequestrati.