Funerali, il sindaco di Andria Giorgino: "Per i parenti chiediamo verità e giustizia"

ANDRIA di Redazione AntennaSud 

 

"Con voce ferma e decisa a nome di una comunità martoriata chiediamo verità e giustizia, lo dobbiamo ai familiari di quelle vittime che conducevano un' esistenza serena che è stata interrotta". Lo ha detto il sindaco di Andria, Nicola Giorgino, rivolgendosi al Capo dello Stato e alle autorità presenti a conclusione del funerale delle vittime dell'incidente ferroviario del 12 luglio scorso. "La comunità andriese - ha aggiunto - è stata quella che ha dato il tributo di sangue più alto, ma questo territorio martoriato ha saputo agire con spirito di servizio e umanità nell'emergenza". "Ora la magistratura deve subito, come sicuramente farà - ha concluso - accertare la verità dei fatti". Al termine del suo intervento, il sindaco si è avvicinato al presidente Mattarella e si sono a lungo abbracciati. Il sindaco di Andria, Nicola Giorgino, ha quindi rivolto un appello al Capo dello Stato, Sergio Mattarella. "Guardi ancora una volta - ha detto Giorgino - i familiari e le vittime, soffermi su di loro il suo sguardo sensibile e autorevole". "Oggi - ha proseguito - lo sdegno prende il sopravvento. Ci aiuti, Presidente, a trovare il coraggio". L'appello del primo cittadino è stato salutato da un lungo applauso delle circa cinquemila persone presenti che si sono alzate in piedi.