Conversano, la Procura accende i riflettori sull'appalto della Lombardi Ecologia

BARI di Redazione AntennaSud 

 

A Conversano, in provincia di Bari, l'appalto per la raccolta dei rifiuti affidato alla ditta Lombardi Ecologia, oggetto di recente fallimento, è entrato sotto la lente d'ingrandimento della Procura della Repubblica di Bari. La guardia di finanza al riguardo avrebbe ascoltato alcuni testimoni 

Un appalto da 30 milioni di europer il servizio di raccolta porta a porta dei rifiuti solodi urbani nell'abitato di Conversano. Durata nove anni e in funzione da tre anni circa, da quando cioè la Lombardi Ecologia cominciava a traballare per il buco finanziario che l'ha portata il mese scorso al fallimento. La gara risale al dicembre del 2013, più volte oggetto di interrogazioni in consiglio comunale e di esposti alla magistratura per presunte irregolarità. Segnalazione che una dietro l'altra hanno convinto la magistratura a vederci chiaro, così come ha fatto la Coprte dei Conti e l'Autorità nazionala anticorruzione. Oggetto dell'inchiesta il bando di gara, il contratto sottoscritto tra Comune e azienda e i requisiti richiesti per la stipula. L'appalto con la Lombardi Ecologia è da sempre entrato nel mirino del comitato cittadino Rif, riprendiamoci il futuro. Durante le procedure di gara una ditta lombarda, la Aimeri presentò ricorso al Tar chiedendo l'annullamento della gara per presunte irregolarità. Il Tar respinse il ricorso così come in ultimo grado fece anche il Consiglio di Stato. Ma sulla questione è intervenuto il comitato civico secondo il quale incrociando i  documenti ufficiali desumeva che la ditta aggiudicataria oltre ai ritardi nel pagamento degli stipendi ai lavoratori, risultava non in regola con il versamento dei contributi previdenziali di buona parte dei dipendenti.