Ilva, le cordate ammesse: una gara tra giganti

TARANTO di Redazione AntennaSud

 

 

La partita è aperta. I giochi sono cominciati. ieri è scaduto il termine per la presentazione delle offerte vincolanti per l'acquisizione di Ilva. Le cordate che si affronteranno nella gara per l'acquisizione dell'intero complesso sono due: AcciaItalia e Am Investco Italy.

Il termine per la presentazione delle offerte vincolanti che contengono i piani ambientali e industriali è scaduto ieri alle 12. Come previsto le cordate che si affronteranno nella gara per l'acquisizione dell'intero complesso dell'Ilva sono due: AcciaItalia (composta da Cdp Equity-DelFin-Arvedi) e Am Investco Italy (composta da ArcelorMittal-Marcegaglia). C'è una terza offerta in ballo, al momento non accettata per documentazione insufficiente, e presentata dal consorzio Ionian Shipping, nei mesi scorsi dato come alleato di Saga, la società di logistica del finanziere bretone Vincent Bollorè. Il consorzio Ionian Shipping di Taranto aveva manifestato interesse per rilevare 'Servizi marittimi Spa', una delle sette controllate di Ilva coinvolte nel procedimento di vendita a privati. Ieri si è anche palesata ufficialmente per la prima volta AcciaiItalia spa, la newco costituita da Cdp Equity (controllata al 77,7% da Cdp), la DelFin di Leonardo Del Vecchio e Acciaieria Arvedi di Giovanni Arvedi. Il consiglio di amministrazione della nuova società avrà tre componenti e il suo presidente sarà Giovanni Arvedi. All'ingegnere di Cremona, già impegnato nel risanamento e rilancio dell'acciaieria di Servola (Trieste) si deve il piano ambientale e industriale che da oggi sarà al vaglio dei Commissari e soprattutto della troika di esperti che il ministero dello Sviluppo Economico e quello dell'Ambiente dovranno nominare. Sarà lui ad avere la gestione operativa dei complessi siderurgici dell'Ilva che lavoreranno in sinergia con le due acciaierie del gruppo Arvedi, quella di Cremona e quella di Trieste. Non entrerà in AcciaItalia il gruppo turco Erdemir che si è preso una pausa per riconsiderare la partita. Tuttavia lo schema che, secondo quanto risulta all'ANSA si va predisponendo prevede una partecipazione di Erdemir a valle cioè come partner di Ilva spa che dovrebbe essere controllata al 70% da AcciaItalia mentre il restante 30% sarà riservato, nel caso di accordo, al gruppo turco che scioglierà la sua riserva a novembre. Quanto all'altra cordata composta dal primo gruppo siderurgico del mondo ArceloMittal e dal gruppo Marcegaglia, questa si è costituita in joint venture denominata Am Investco Italy. Le quote dei due partner sono 85% per ArcelorMittal e 15% per Marcegaglia.