Bari calcio, Giancaspro ricapitalizza

BARI di Redazione AntennaSud

 

Il socio di minoranza del Bari calcio, Giancaspro, ha versato ieri oltre due milioni e mezzo di euro come quota di ricapitalizzazione. Nelle sue mani c'è ora il 35 per cento della società biancorossa. Ora tocca al socio di maggioranza, Paparesta, ricapitalizzare.

Oltre due milioni e mezzo di euro (2 milioni 607.500 per la precisione): è la quota di capitale versata ieri dal socio di minoranza del Bari, Cosmo Antonio Giancaspro, che dal 5% passa così a detenere il 35% della società biancorossa. L'aumento di capitale deliberato nei giorni scorsi dall'Assemblea degli Azionisti è pari a 7 milioni 450mila euro.
L'aumento di capitale è stato sottoscritto in proporzione all'attuale quota di partecipazione di Giancaspro, il quale ha contestualmente esercitato il diritto di prelazione per l'estensione del proprio diritto di opzione anche alla sottoscrizione dello stesso aumento di capitale, in proporzione all'intera partecipazione eventualmente non optata dall'altro socio, il presidente Gianluca Paparesta.
Giancaspro, attraverso la sua società "Kreare Impresa srl" ha chiesto al socio di maggioranza Paparesta di affrettare i tempi per riavviare la società e "ha invitato l'altro socio, gli amministratori e i sindaci a non attendere il termine finale di sottoscrizione del 21 giugno 2016, qualora l'altro socio si trovi nella impossibilità oggettiva di esercitare l'opzione e vi rinunci da subito, nonché a consentire con la loro partecipazione l'assemblea ordinaria degli azionisti in forma totalitaria in data 22 giugno 2016, ovvero a convocare sin d'ora la medesima Assemblea ordinaria degli azionisti in data 23 giugno 2016, per l'adozione di tutti i provvedimenti consequenziali all'avvenuta sottoscrizione integrale dell'aumento di capitale".