Addio a Vincenzo Matarrese, "primo grande tifoso del Bari"

BARI di Redazione AntennaSud

 

Si sono svolti ieri in una Cattedrale gremita i funerali di Vincenzo Matarrese, imprenditore edile e storico presidente del Bari, dal 1983 al 2011, morto a 79 anni dopo una lunga malattia.

"È' stato un credente che ha usato la sua umanità per costruire non per consumare": così don Franco Lanzolla ha ricordato durante l'omelia Vincenzo Matarrese. Alla cerimonia hanno partecipato, tra gli altri, il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, il sindaco di Bari, Antonio Decaro, il presidente della Lega serie B Andrea Abodi e tante bandiere del Bari oltre agli storici dirigenti. All'esterno della chiesa sono stati esposti gli striscioni degli Ultras Bari 1976. Prima della cerimonia, all'uscita dalla camera ardente allestita nella sede dell'azienda, la salma è stata salutata dagli applausi degli operai della Mararrese. "Sarà difficile per Bari avere una società così come l'ha gestita Vincenzo Matarrese. A ricordare le partite più belle è stato un commosso Eugenio Fascetti allenatore del Bari in stagioni memorabili. La doppia vittoria a San Siro contro l'Inter, il pari con il Milan e l'unico rammarico del tecnico: avrei dovuto farlo vincere più spesso a burraco nelle nostre partite serali". A nome degli Ultras Bari, Alberto Savarese, leader della curva nord, ha elogiato lo scomparso massimo dirigente biancorosso: "Ha fatto errori e tante cose belle. Abbiamo vissuto pagine straordinarie insieme come l'ultima promozione in A con Conte. Ha viaggiato per cinque ore in auto dal Lazio per partecipare alle esequie, Sandro Tovalieri, centravanti amatissimo dal pubblico biancorosso e dal patron: "Ho vissuto tre anni splendidi con Vincenzo Matarrese. Ci rimanevamo male, noi giocatori, quando veniva contestato. E' stato il primo grande tifoso del Bari. Lui era uno che voleva sempre vincere.