Muore Matarrese, con lui scompare un pezzo di storia del calcio barese

BARI di Redazione AntennaSud 

 

Lutto nel mondo del calcio. Ieri sera in una clinica romana si è spento a 79 anni Vincenzo Matarrese, ex presidente del Bari, dopo una lunga malattia. Scompare Don Vincenzo, così amavano chiamarlo tutti, un uomo che in fondo aveva amato follemente la squadra biancorossa  che ha guidato per più di 30 anni con grande passione.

Addio a Vincenzo Matarrese, imprenditore e storico presidente del Bari, dal 1983 al 2011. Il funerale si terrà domani in Cattedrale. Matarrese è morto dopo una lunga malattia ieri, in tarda serata, circondato dalla sua famiglia. Aveva festeggiato il 79esimo compleanno a fine maggio ed era rientrato a Bari dopo alcune settimane di cure in un ospedale romano.    Amato e odiato della piazza sportiva, è stato un presidente tifoso e passionale. Ha regalato ai tifosi biancorossi calciatori di primo piano come Edy Bivi, Pietro Maiellaro,  David Platt, ha cresciuto il ribelle Antonio Cassano, ha gioito per i gol di Protti e Tovalieri come di Messina-Galluzzo.  Ha visto esplodere a Bari Bonucci e Ranocchia, poi in Nazionale. Sono stati suoi allenatori Maciste Bolchi, Lazaroni, Zibì Boniek, Marco Tardelli, Antonio Conte e Giampiero Ventura, gli ultimi due approdati alla panchina azzurra. Nel 2011 aveva lasciato ogni incarico. Sotto la sua gestione i biancorossi hanno disputato ben dieci tornei di serie A.