Trail 5 Querce, mille in corsa a Gravina. Vince Zullo

GRAVINA IN PUGLIA di Redazione AntennaSud

 

Un percorso di 28 chilometri, dal bosco Difesa Grande fino al parco archeologico di Gravina in Puglia. E' quello con cui ieri si sono cimentati circa mille runner provenienti da tutta Italia, che hanno partecipato al quinto Trail delle 5 Querce. Vincitore, per il secondo anno consecutivo, Luigi Zullo.

Mille atleti ieri a Gravina per la quinta edizione del Trail delle 5 Querce, arduo percorso di 28 chilometri che si snoda dai sentieri del bosco Difesa Grande fino al parco archeologico.

Luigi Zullo ha bissato il successo dell’edizione 2015, confermandosi re del Trail delle 5 Querce. In gara mille atleti provenienti da tutta Italia, che si sono misurati nella gara podistica outdoor più partecipata in Puglia e nel Sud Italia, all’insegna della natura e dell’avventura. Scenario mozzafiato quello del bosco Difesa Grande, incastonato tra gli jazzi del Parco nazionale dell’Alta Murgia e le cavità carsiche della gravina di Gravina in Puglia, nei luoghi di una civiltà rupestre e del parco archeologico.

Dopo il successo delle scorse edizioni, l’asd Festina Lente, società organizzatrice dell’evento, quest’anno ha proposto un unico arduo percorso di 28 chilometri, con mille metri di dislivello, che ha incluso anche il Canyon di Gravina in Puglia, città candidata a diventare Patrimonio mondiale dell’Unesco, e ha chiamato a raccolta runner da Puglia, Basilicata, Abruzzo, Lazio, Campania, e anche da Torino, Bellulo e La Spezia. In gara anche un gruppo di atleti sordomuti.

Si è confermato campione indiscusso l’atleta pugliese di Santeramo Luigi Zullo, in forza alla Bio Ambra New Age di Capurso, che ha bissato la vittoria dell’edizione 2015 con un tempo di un'ora 56 minuti e 27 secondi. Seconda posizione per Giorgio Calcaterra, attuale detentore del titolo mondiale nella 100 km di ultramaratona, che ha tagliato il traguardo dopo 2 ore 2 minuti e 30 secondi. Terza posizione per il monopolitano Vito Sardella, in forza alla Podistica San Salvo di Termoli, che ha tagliato il nastro del traguardo con il tempo di 2 ore 4 minuti 19 secondi. Prima donna a tagliare il traguardo Lidia Mongelli della Correre Pollino, sesta classificata con il tempo di 2 ore 18 minuti 35 secondi.

Esordio speciale in una gara podistica per un atleta promettente, Ahmed Tunji, 22enne nigeriano, con alle spalle una storia incredibile: raccolto nella acque libiche e sbarcato a settembre in Italia, ora è ospite nel Centro di Accoglienza Straordinaria di Poggiorsini, dove hanno scoperto il suo vero talento ed è subito scattata una grande maratona di solidarietà per fornirgli tutto il materiale tecnico necessario e l’iscrizione alla prima gara sportiva della sua vita.