Patenti truccate a Brindisi, 67 indagati

BRINDISI di Redazione AntennaSud

 

Truffa delle patenti truccate scoperta a Brindisi. Il regista era un dipendente 60enne della Motorizzazione civile di Taranto. Con lui, nel registro degli indagati, altre 66 persone, tra cui un imprenditore e quattro autisti di linea di una società pubblica di trasporti.

Carte truccate e patenti rilasciate anche a persone senza titolo, in cambio di denaro: non meno di 150 euro. 67 persone sono finite nel registro degli indagati della Procura di Lecce. Le accuse vanno dalla manomissione di sistemi informatici alla corruzione e alla falsità ideologica. Regista della truffa un dipendente della Motorizzazione civile di Taranto, Michele D’Ippolito, 60enne di Villa Castelli nel brindisino, e l’imprenditore di Manduria Massimiliano Greco, di 48 anni. Tra gli indagati figurano anche i beneficiari del raggiro e quattro autisti di linea di una società pubblica di trasporti.

Secondo quanto accertato dai carabinieri, il sistema messo in atto da D'Ippolito consisteva nel convertire patenti estere o militari in titoli utili a guidare sul territorio italiano, anche mezzi pesanti o autoarticolati che necessitano di patenti speciali. Un centinaio le persone a cui sono state rilasciate patenti, in molti casi senza che i beneficiari avessero mai frequentato corsi di guida.