"Salviamo via Sparano", al via la petizione contro il restyling che non piace

BARI di Maria Luisa Troisi

 

Il comitato "Salviamo via Sparano" ha avviato la raccolta firme per fermare il restyling della via storica di Bari, che ha scatenato non poche polemiche in città, anche per la totale assenza di verde. 

 

La raccolta firme è partita. Il comitato "Salviamo via sparano" ha avviato la raccolta firme per fermare il restyling della via storica di Bari, che ha scatenato non poche polemiche in città, anche per la totale assenza di verde, e chiedere che le decisioni vengano prese in sede di consiglio comunale. In mattinata è stata organizzata una conferenza stampa per presentare la petizione, a cui erano presenti anche i consiglieri comunali Fabio Romito e Irma Melini e il deputato Francesco Paolo Sisto.

“Contiamo il prima possibile di raggiungere le 1000 firme – dichiara Spiridione Palumbo, il presidente del Comitato Salviamo via Sparano – così da poterle presentare in Comune”. Già ieri siamo andati in giro per le vie del Libertà – racconta Spiridione – e abbiamo provato a raccogliere le prime firme. Come immaginavamo erano in pochi a volere il restyling, molti neanche sapevano che era previsto. In dieci minuti abbiamo fermato 20 persone, di queste 19 hanno firmato, ma solo 15 erano a conoscenza del progetto”. Nei prossimi giorni verranno anche istituiti dal Comitato dei banchetti in via Sparano e in altre vie del centro per far conoscere ai cittadini il progetto e ampliare la raccolta firme.