Pisa, lite tra tifosi locali e giocatore del Foggia

PISA di Redazione AntennaSud

 

Occhio nero per il centrocampista del Foggia Alberto Gerbo, a seguito di un litigio con una famiglia pisana, avvenuto la notte scorsa. Per il dg del Foggia è stata un'aggressione organizzata; per il questore di Pisa una lite degenerata in contatto fisico.

 

Lite notturna tra un giocatore del Foggia, il centrocampista Alberto Gerbo, e alcuni tifosi del Pisa. E' avvenuta la notte scorsa, al rientro della squadra pugliese in albergo a Tirrenia, sul litorale pisano, dopo il match di andata della finale di LegaPro, vinto dai toscani per 4 a 2. Per il Foggia è stata un'aggressione organizzata, per la questura un episodio isolato che non riguarda la tifoseria pisana. Già poco dopo lo scontrò il dg del Foggia, con dichiarazioni rilanciate dai siti d'informazione locale, ha denunciato un' aggressione "dei supporter pisani che hanno poi utilizzato le maniere forti con pugni e schiaffi e il malcapitato di turno si chiama Gerbo che ha un occhio nero ed è stato trasportato al pronto soccorso". "A noi risulta - ha replicato il questore di Pisa, Alberto Francini - una lite tra una famiglia di pisani e un giocatore foggiano, degenerata poi in un contatto fisico. Ma possiamo escludere che si tratti di qualcosa riconducibile alla tifoseria più o meno organizzata, né che si sia trattato di un agguato".