Rimpatrio Girone, le reazioni dei politici pugliesi

BARI di Redazione AntennaSud

 

Esprimono tutti gioia, i politici pugliesi, per l'annunciato rimpatrio di Salvatore Girone. Commenti soddisfatti da parte di Decaro, Loizzo e Damascelli. Unica voce fuori dal coro, quella di Ginefra.

La notizia del rimpatrio di Salvatore Girone durante la durata del procedimento arbitrale ha suscitato ovviamente una serie di reaziopni politiche, da destra a sinistra, a livello nazionale e locale.

Il sindaco di Bari Antonio Decaro, che conosce personalmente Girone, essendo anche suo vicino di casa a Torre a Mare, ha dichiarato: "È una bella giornata. Ti aspettiamo Salvatore. Qui c'è il sole". La bambina del marò frequenta peraltro la stessa scuola delle figlie di Decaro. "Con Salvatore siamo sempre stati in contatto i questi giorni. Manca poco e potremo riabbracciarlo. Salvatore vorrà recuperare il tempo che ha trascorso lontano, stando con la sua famiglia. La parrocchia di Torre a Mare gli organizzerà una bella festa per accoglierlo", ha detto il sindaco.

Il presidente del consiglio regionale, Mario Loizzo, ha commentato: "Era ora. La procedura giudiziaria corretta e il buon senso diplomatico hanno prevalso".

Voce fuori dal coro, quella del parlamentare barese del Pd Dario Ginefra: "Sarò impopolare ma anche se sono lieto che Girone rientri in Puglia e pur comprendendo il dramma che hanno vissuto le famiglie sua e di Latorre, prima di trattarli da eroi, attenderei con serietà e serenità l’epilogo della vicenda giudiziaria", ha scritto in un post su facebook.

Dichiarazione che ha indispettito il consigliere regionale di Forza Italia Domenico Damascelli, organizzatore di diverse iniziative per sollecitare il rimpatrio dei marò: "Duole constatare che in una giornata di festa e riconciliazione nazionale, in cui dovrebbero venire meno gli steccati ideologici di tutti, ci siano esponenti del Pd di Bari, come l’onorevole Ginefra, che sentono il bisogno di dar sfogo a sentimenti antimilitaristi".

Scrivi commento

Commenti: 0