Le spiagge di Mar Piccolo soffocate dalla plastica

TARANTO di Redazione AntennaSud

 

Nella spiaggia sul Mar Piccolo, a Taranto, sono stati rinvenuti 601 rifiuti, tutti di plastica: lo rileva un'indagine di Legambiente. La maggior parte dei rifiuti sono reti e pezzi di rete.

601 rifiuti, tutti di plastica: è il record della spiaggia sul Mar Piccolo di Taranto, nei pressi del Parco Cimino. L’unica - secondo l’indagine nazionale "Beach Litter 2016" di Legambiente - in cui la totalità dei rifiuti rinvenuti è costituita da materiale plastico al 100%. L'associazione ambientalista precisa che "l'area è caratterizzata dalla quantità più elevata della categoria reti e pezzi di rete". Lunetta Franco, presidente di Legambiente Taranto, sollecita "una riflessione che coinvolga pescatori e mitilicoltori e che punti a ridurre drasticamente l’entità dei rifiuti riversati in mare che fanno male all’ambiente, alla fauna, all’economia e al turismo. Noi crediamo che sia necessario e possibile costruire le condizioni per una rinascita della mitilicoltura tarantina, puntando sulla sua ecosostenibilità e nei prossimi giorni ci faremo promotori di un incontro con le forze produttive proprio per ragionare insieme su questo tema".

Legambiente Taranto ribadisce la necessità di bonificare il Mar Piccolo, che va considerata una priorità per la città di Taranto e sulla quale si sono accumulati grandi ritardi. "La pulizia dei fondali è stata annunciata da oltre un anno. Speriamo che stia effettivamente per cominciare anche se la mancanza di una data di inizio lavori ci preoccupa non poco", dichiara Lunetta Franco.