Inseguimento sulla s.s. 16 a 200 Km/h, i "baschi verdi" fermano due brindisini

BARI di redazione AntennaSud

 

 

L'auto sfrecciava a 200 km all'ora sulla statale 16 e la velocità ha insospettito i finanzieri del gruppo Pronto impiego di Bari che hanno inseguito la Audi 6, bloccandola. All'interno un arsenale da guerra.

A 200 chilometri all'ora sulla 16 tra Bari e Brindisi. La Guardia di Finanza dopo un inseguimento sulla statale ha arrestato due pregiudicati brindisini che viaggiavano a bordo di un'Audi A6. Nell'auto i finanzieri del gruppo pronto Impiego hanno trovato un arsenale. Due Kalashnikov modello AK-47 di fabbricazione sovietica, 92 cartucce calibro 7.62 da guerra e 3 caricatori. In manette sono finiti Giovanni Ciccarone, di 48 anni e Carmelo Semerano, di 55 con precedenti anche per reati di mafia. Dopo avere bloccato la vettura al termine dell'inseguimento, i finanzieri hanno controllato gli interni scoprendo in uno scatolone un compressore la cui apertura era stata modificata e al cui interno erano nascoste la armi. I due, inoltre, avevano 3.000 euro in contanti, di cui non hanno saputo fornire una valida giustificazione. I baschi verdi hanno quindi sequestrato i Kalashnikov che tra l'altro sono risultati modificati, con l'asportazione del calcio in modo da rendere l'arma più maneggevole e facilmente occultabile. Si indaga per individuare la destinazione delle armi che sono state sequestrate insieme alla vettura ed ai soldi.