Tutti uniti per la serie A, Paparesta suona la carica per la volata finale

BARI di Redazione AntennaSud 

 

"Uniti, tutti, per la serie A. Basta pessimismo": il presidente del Bari, Gianluca Paparesta, rassicura la 'piazza' sulla trattativa per l'ingresso del socio malese Noordin Ahmad invitando la tifoseria a stringersi attorno alla squadra di Camplone, nelle ultime settimane in evidente calo di condizione.   

 "Il pessimismo che si respira in città dopo Cagliari e Brescia non piace al Presidente Paparesta. La squadra ha le potenzialità per vincere le partite che mancano alla promozione. Ma col calore e il supporto della città intera l'undici biancorosso affronterà al meglio le prossime cinque partite. L'obiettivo è quello che tutti vogliono: la serie A". Sulla trattativa societaria Paparesta - che ha firmato un preliminare di vendita del 50% delle quote al malese Noordin Ahmad - ha detto di essere "tranquillo" perché "l'imprenditore asiatico farà di tutto per venire al San Nicola venerdì con il Trapani. A Kuala Lumpur  l'imprednitore malese ha organizzato un incontro tra il presidente del Bari, il ministro dello Sport e con alcuni regnanti. In Malesia Noordina avrebbe sbloccato alcune situazioni finanziarie completando l'iter. La 'consistenza' di Noordin era stata verificata da chi era deputato a farlo, ovvero la Banca Popolare di Bari nelle vesti di advisor della società biancorossa. Quanto al bonifico Paparesta ha risposto che si tratta di una questione personale. La normativa malese richiede una serie di adempimenti che stanno avvenendo con la massima cordialità.    Paparesta ha fatto sapere che in occasione dei play off in Malesia vorrebbero trasmettere le finali del Bari, a riprova dell'attenzione del paese asiatico per i biancorossi. L'ultima battuta Paparesta l'ha riservata ai forti dissidi con il socio di minoranza. "Il socio Cosmo Giancaspro ha anche il diritto di prelazione. Abbiamo fatto mille salti mortali finora, anche io ho dovuto impegnarmi e indebitarmi per andare avanti al meglio, con una possibilità di futuro per il club. Le piccole beghe societarie ci sono dappertutto".