Giustizia alle pezze, 150 euro per le auto della Dda di Bari

BARI di Redazione AntennaSud 

 

Un settore così delicato per la difesa dei diritti dei cittadini, ovevro la Giustizia è alle pezze. La conferma arriva da Bari. Per la manutenzione delle auto di servizio dell'antimafia, il Ministero ha disposto l'erogazione di 150 euro. Le auto sono quattro e il tagliando di manutenzione non viene fatto da tempo immemore. 

 

"Ieri è arrivata la comunicazione della erogazione da parte degli organi competenti della somma da destinare alla manutenzione delle autovetture della Dda: 150 euro". Lo ha dichiarato il procuratore di Bari, Giuseppe Volpe, sulla scia della questione della carenza di risorse da lui stesso sollevata nei giorni scorsi con una lettera inviata al ministro della Giustizia, Andrea Orlando.   Si tratta di quattro auto in uso all'Antimafia barese. Il procuratore ha poi chiarito che "i tagliandi non vengono fatti da almeno un decennio e qualcuno, sorridendo, ha detto che ora si potrà almeno fare il cambio dell'olio". Amara ironia a parte "La carenza di personale amministrativo danneggia gravemente anche e soprattutto il diritto di difesa dei cittadini". È quanto dichiara il presidente della Camera Penale di Bari, Gaetano Sassanelli, intervenendo sulla questione sollevata nei giorni scorsi dal Procuratore di Bari Giuseppe Volpe che ha inviato una lettera al ministro Orlando. Sassanelli sottolinea che "non basta fare sentenze, ma bisogna fare sentenze giuste, e per questo l'esercizio dell'azione penale deve essere un percorso nel quale il cittadino abbia la possibilità difendersi compitamente. Cosa che non può avvenire se le cancellerie, non per colpa o volontà dei cancellieri, sono spesso chiuse perché il personale scarseggia". "L'esercizio dell'azione penale - insiste il presidente dei penalisti baresi - non è solo soddisfazione della pretesa punitiva dello Stato, ma soprattutto accertamento della verità verità che deve avvenire attraverso un compiuto esercizio del diritto di difesa".