Lega del filo d'Oro, tra bilancio 2015 e cure alle famiglie dei sordociechi

MOLFETTA di redazione AntennaSud

 

In Italia, secondo uno studio realizzato dall’Istat in collaborazione con la Lega del Filo d’Oro, le persone affette da problematiche legate alla vista e all’udito sono 189 mila e Il 30,6% vive nelle regioni del Sud.. La Lega del Filo d'oro, che si occupa di chi è affetto da queste patologie e delle loro famiglie, ormai è presente in molte regioni d'Italia. 

E’ da oltre 50 anni che la Lega del Filo d’Oro, attraverso servizi di eccellenza e attività di ricerca, si occupa dell’assistenza, dell’educazione, della riabilitazione e del reinserimento nella famiglia, o nella società, delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali. In Puglia, al Centro di Molfetta (BA), offre cure, servizi educativo-riabilitativi, sanitari e assistenziali a quasi 60 utenti, con un’equipe di educatori, psicologi e personale sanitario a cui si sommano le attività del Servizio Territoriale che è punto di riferimento per oltre 55 utenti e le loro famiglie. La Lega del Filo d'Oro ha presentato, in occasione dell'annuale Assemblea dei Soci il Bilancio 2015 e ha inoltre diffuso la rendicontazione delle attività svolte. Un bilancio in crescita, come ci racconta via skype il Segretario Generale della  lega del Filo d'Oro Rossano Bartoli.