Impianto compostaggio Prometeo 2000, Emiliano incontra i sindaci

BARI di Redazione AntennaSud

 

Incontro tra Regione Puglia e sindaci del territorio, ieri, per discutere dell'impianto di compostaggio Prometeo 2000 costruito da diversi anni nelle campagne di Grumo Appula e mai entrato in funzione.

Si è discusso del progetto Prometeo 2000 ieri in Regione.

Da una parte il presidente Michele Emiliano, assieme all'assessore regionale all'ambiente Domenico Santorsola, al direttore di dipartimento Barbara Velenzano e all'ingegnere Giuseppe Tedeschi della sezione ecologia, e ai consiglieri regionali Marco Lacarra e Mario Conca. Dall'altra i sindaci di Binetto, Grumo Appula, Altamura, Toritto, una delegazione consiliare di Cassano delle Murge, i vertici del Parco nazionale dell'Alta Murgia e i rappresentanti del comitato EcoNostro.

Prometeo 2000 è il nome dell'impianto di compostaggio, denominato dai residenti l'Astronave, che dovrebbe entrare in funzione nelle campagne di Grumo Appula, a pochi passi dal Parco nazionale. A regime potrà gestire fino a 115mila tonnellate annue di forsu (frazione organica rifiuti solidi urbani). Si teme un impatto odorigeno per i comuni limitrofi, fino a Bitonto e Palo del Colle.

Nell'ambito della procedura Via (Valutazione di impatto ambientale) - spiega la Regione - "si è arrivati alla determinazione di procedere alla valutazione specifica delle diverse ipotesi localizzative, che tengano conto della compatibilità territoriale del sito con le attività di compostaggio". Emiliano ha annunciato un tavolo tecnico per definire le proposte ricevute dai sindaci, i quali hanno manifestato una serie di criticità che - assicura la Regione - "saranno oggetto di approfondimento". I sindaci chiedono che sia individuato un altro sito per l'impianto, e che si discuta della destinazione d'uso ella struttura già esistente nelle campagne di Grumo.