Razzia di rame e ferro nell'ex base Usaf, famiglia brindisina in manette

SAN VITO DEI NORMANNI di Redazione AntennaSud

 

Tre arresti e due obblighi di dimora per cinque persone, tutte della stessa famiglia, a Brindisi. Sono accusate di aver rubato ingenti quantità di rame e ferro dall'ex base base militare Usaf di San Vito dei Normanni. I metalli venivano poi rivenduti in zona.

 

Avrebbero compiuto una serie di razzie di rame e ogni tipo di metallo, in particolare nell'ex base militare Usaf di San Vito dei Normanni, nel brindisino. Cinque persone, tutte della stessa famiglia, sono state arrestate dai carabinieri per furto continuato e aggravato. Per Antonio e Francesco Rillo, entrambi di 24 anni, e per il 25enne Paolo Rillo sono scattati gli arresti domiciliari. Obbligo di dimora, invece, per il 31enne Andrea Rillo e per Salvatore Balestra, di 28 anni.
La banda aveva preso di mira l'ex base Usaf, restituita anni fa al Ministero della Difesa e affidata in custodia all'Aeronautica Militare, tranciando e asportando cavi in rame, recinzioni metalliche e altro materiale ferroso. tutto veniva poi rivenduto in zona. Nel corso dell'indagine sono stati recuperati ingenti quantitativi di rame rubato.
Le indagini dei carabinieri partirono a seguito di un agguato in un centro rottami alla periferia di Brindisi, avvenuto il 9 maggio scorso: furono esplosi diversi colpi di arma da fuoco e rimase ferita una persona.
Il provvedimento cautelare è stato emesso dal gip del Tribunale di Brindisi Stefania De Angelis, su richiesta del pm Milto Stefano De Nozza.