S'insedia a Bari Carmine Esposito:"Sarò il Questore degli altri"

Vorrei essere il questore degli altri. Si è presentato così il nuovo questore di Bari, Carmine Esposito, napoletano, 58 anni, ex capo della questura di Brescia. Ieri il nuovo questore si è presentato alla stampa. Per prima cosa ha voluto fare onore a tutti quelli che hanno perso la vita non solo all'interno della Polizia di Stato, ma anche a quelli che l'hanno persa per motivi di impegno sociale e istituzionale. 

 

Senza i cittadini - ha detto Esposito - la Polizia non sarebbe nulla. L'impegno è quello di garantire sicurezza alla collettività e al nostro Paese. Quello che deve essere recuperato da parte della polizia è il senso dell'altro. Deve esistere una vera e propria etica dell'altro. Bisogna assolvere a questo nostro messaggio, capire che la polizia deve stare accanto ai nostri cittadini, ai più bisognosi, ai più debolòi. Quindi il compito dei poliziotti a impegnarsi di più e meglio per garantire la sicurezza e per interpretare al meglio i bisogni della città, ma anche a stringere una mano quando dai barconi scendono persone in pericolo di vita. Poui l'impegno ada vvicinare i ragazzi delle scuole attraverso iniziative di promozione della legalità. Quindi le impressioni estremamente positive passeggiando per Bari. Una città che prò - ha sottolineato - è anche portad 'ingresso di presunte cellule islamiche. IL terrorismo è una minaccia. Rimanere inerti o poco attivi non è utile alla nostra causa. Riguardo alle indagini sul fenomeno delle estorsioni, che di recente hanno prodotto l'arresto a Bari del boss Savinuccio Parisi e di numerosi esponenti del suo clan, Esposito ha assicurato continuità con quanto fatto dal suo predecessore, Antonio De Iesu.