Bari come Copenaghen: immaginata una piscina d'acqua salata in mare

BARI di Redazione AntennaSud

 

Bari come Copenaghen. Uno degli otto studi per il restyling del lungomare prevede una piscina d'acqua salata in mare, cinta da una passerella a pelo d’acqua da utilizzare come solarium, proprio come nella capitale danese.

Un nuovo volto per il litorale di Bari, lungo i 42 chilometri che uniscono Torre a Mare a Santo Spirito. Per ridisegnarlo sono stati elaborati otto progetti. Uno di questi, affidato agli esperti dell’Istituto nazionale di architettura da Confindustria e Ance di Bari, prevede il restyling del lungomare Imperatore Augusto. Punta di diamante, il progetto di una piscina d'acqua salata in mare, cinta da una passerella a pelo d’acqua da utilizzare come solarium. Progetto che s'ipira al modello Copenaghen: nel porto della capitale danese, infatti, sono state realizzate piscine recintate in mare, con le acque del porto costantemente depurate. Quella immaginata a Bari sorgerebbe di fronte ai campetti di calcio della città vecchia, vicino all’arco di accesso alla basilica di San Nicola. Lo studio di fattibilità, preliminare alla progettazione, nasce da un protocollo siglato da Confindustria e Ance con il Comune di Bari, ed è stato presentato alla Soprintendenza. Se arriverà l'ok, la parola passerà alla giunta Decaro, che potrebbe dare il via ad uno studio economico e poi al progetto vero e proprio, da candidare a finanziamento.
Il restyling prevede anche una passerella sull’acqua, che unirebbe il fortino Sant’Antonio al porto. Altri interventi riguardano la mobilità sul lungomare, con il marciapiede lato mare riservato a ciclisti e runner, e una cprsia preferenziale per i bus.