Altamura, spara contro auto dell'amico, mancava droga dal borsone

ALTAMURA di redazione AntennaSud

 

 

Con l’accusa di tentativo di omicidio, estorsione, porto e detenzione di arma da fuoco e detenzione di stupefacenti i carabinieri hanno arrestato Ferdinando Natrella, di 32 anni, il quale avrebbe minacciato un uomo di 41 anni di essere responsabile della scomparsa di una parte di un carico di droga che gli aveva affidato.

Ritenendolo responsabile di un ammanco di droga che gli aveva affidato in custodia lo ha minacciato di morte, sparando tre colpi contro la sua auto. Vittima un 41enne che è riuscito a fuggire dalla furia del 32enne Ferdinando Natrella che a marzo ad Altamura ha sparato colpendo, fortunatamente, solo la carrozzeria della sua auto. Ma il giorno il 41enne ha denunciato tutto ai carabinieri. Dal racconto dell'uomo Natrella lo aveva contattato nel luglio dell'anno scorso raggiungendolo in un garage e lasciando a insaputa della vittima un borsone. Sempre stando al racconto dell'uomo, accortosi della presenza del borsone, il 41enne, dopo aver tentato invano di contattare Natrella, avrebbe deciso di verificarne il contenuto, scoprendo che nella borsa vi erano alcuni pacchetti avvolti con nastro adesivo marrone, forse era sono sostanze stupefacenti.

Con l'accusa di tentativo di omicidio, estorsione, porto e detenzione di arma da fuoco e detenzione di stupefacenti i carabinieri hanno arrestato il 32enne  che si sarebbe sarebbe fatto prima consegnare dall'uomo 15 mila euro, per ripianare il danno, ma ne avrebbe poi preteso altri 20mila euro. In seguito al diniego di dargli l'ulteriore somma, Natrella lo avrebbe minacciato di morte, lo avrebbe ferito al volto con il calcio di una pistola e sparato contro la sua vettura mentre fuggiva.