Usura: la denuncia di don Alberto D'Urso, i media non informano sull'usura

BARI di Maria Luisa Troisi

 

Una tavola rotonda a Bari nella biblioteca Ricchetti a cui hanno partecipato istituzioni, giornalisti, avvocati e magistrati. Una denuncia forte, è partita dal Presidente della Fondazione Antiusura di Bari, mons. Alberto D'Urso. I media non comunicano la gravità della situazione e spesso distorcono la realtà e a farne le spese sono le famiglie, i padri che si tolgono la vita, strozzati dalla trappola dell'Usura.

La storia di Agostino, strozzato nella morsa dell'usura, che le ha viste tutte le facce di chi vive nella sciagura più nera, tra paura per sè, per la propria famiglia, per il futuro che non c'è più. Ha raccontato la sua vita nella trappola dell’usura, da cui ne è uscito vivo solo grazie alla Fondazione Antiusura di Bari. Carica di emozione e paura, speranza e desiderio di farla finita l'intervista alla vittima di usura, tenuta dalla giornalista Michela di trani, ha commosso il pubblico, e forse anche aperto gli occhi sul terribile e spesso ignoto mondo dell'usura. Si è tenuta a Bari nella Biblioteca “Ricchetti”, la Tavola Rotonda: «Usura, Comunicazione e Istituzioni» a cui hanno partecipato esponenti del mondo istituzionale, giornalistico, ma anche avvocati e il magistrato Ciro Angelillis. Un mondo, quello dell'usura che spesso nasce e cresce anche perchè è un mondo difficile da denunciare, spesso anche solo da comunicare. Questa la denuncia di mons. Alberto D’Urso, Segretario della Consulta Nazionale Antiusura e Presidente della Fondazione Antiusura di Bari.