Om carrelli, operai protestano e incontrano il governatore Emiliano

BARI di redazione AntennaSud

 

Preoccupati dall'esito ancora incerto sulla trattativa per la risoluzione della vertenza che riguarda 190 posti di lavoro, circa 70 operai della Om Carrelli di Modugno, hanno incontrato il presidente della regione Puglia, Michele Emiliano in Fiera del levante a Bari. 

A giugno scadrà la mobilità per tutti i quasi 200 ex dipendenti dello stabilimento Om Carrelli di Modugno chiuso da cinque anni. Preoccupati per la loro sorte circa 70 lavoratori hanno protestato in Fiera del levante a Bari, dove era in corso un incontro sul reddito di dignità e hanno incontrato il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. Gli operai temono infatti che il progetto della Tua Autoworks, la ditta americana che dovrebbe produrre un motore ecosostenibile nello stabilimento di Modugno, possa tramontare. Emiliano non ha nascosto che ci siano problemi ma, ha detto, la «speranza non è tramontata». Il governatore si è impegnato a chiedere "immediatamente" un incontro al Mise tra azienda, Invitalia, Regione, e una delegazione di operai, per capire cosa blocca la situazione. «Sostanzialmente nella verifica delle varie clausole dell’accordo - ha sottolineato - ci sono alcuni punti che stanno suscitando la perplessità della struttura che sta procedendo alla stipula dell’accordo per conto del governo. Questi elementi onestamente sono in parte giustificati, nel senso che alcune delle perplessità hanno fondamento, per esempio le questioni relative ai brevetti, per esempio quanti brevetti sono in proprietà dell’azienda che deve realizzare l’automobile».  “Chiederò - ha detto Emiliano – immediatamente al Mise un incontro, da svolgersi entro il 20 aprile, in contraddittorio tra il soggetto che sta guidando per conto del Governo e della Regione il contratto e l’azienda stessa. Naturalmente l’incontro, da svolgersi in assoluta trasparenza, va fatto anche con una vostra rappresentanza."