Bari, caccia alle cicche. Posacenere portatile in omaggio ai trasgressori

BARI di Redazione AntennaSud

 

Caccia alle cicche per strada e sui marciapiedi, a Bari. Da oggi, nel mirino della polizia municipale e degli ispettori ambientali Amiu, non solo fumatori indisciplinati ma anche i locali pubbici che ancora non si sono dotati di un contenitore posacenere all'esterno.

Il Comune di Bari dichiara guerra agli incivili che continuano a buttare per strada cicche di sigaretta, gomme da masticare, carte e fazzolettini. Per indorare la pillola, ad ogni multa comminata - pari a cento euro - vigili urbani e ispettori dell’Amiu omaggeranno i trasgressori di un posacenere tascabile. Il Comune ne ha a disposizione circa duemila, che saranno distribuiti non solo ai cittadini multati ma anche nell’ambito di iniziative di educazione ambientale.
L'iniziativa dell’amministrazione Decaro punta a punire chi imbratta strade e marciapiedi di Bari, infischiandosene della nuova norma del collegato ambientale entrato in vigore il 2 febbraio. In un mese e mezzo sono stati 18 i baresi multati, soprattutto a piazza Umberto, piazza Cesare Battisti e piazza Moro, dove si concentrano i fumatori indisciplinati.
Ora la caccia alle cicche si concentrerà fuori dai locali pubblici, per verificare il rispetto dell'ordinanza posacenere. Da oggi entreranno in vigore i controlli serrati della polizia municipale e degli ispettori ambientali dell’Amiu nei confronti di bar, ristoranti, pub, pizzerie, teatri, cinema e centri scommesse, che ancora non si sono dotati all’ingresso di contenitori posacenere. Gli esercenti non in regola saranno multati. L'ordinanza del sindaco Antonio Decaro prevede una sanzione di 50 euro.
L'assessore all'ambiente Pietro Petruzzelli ha annunciato un premio simbolico per il posacenere più bello tra quelli collocati all’esterno delle attività commerciali.