Modugno, sindaco dice no a inceneritore

MODUGNO di Redazione AntennaSud

 

No categorico della giunta Magrone alla realizzazione di un impianto di combustione rifiuti nel territorio di Modugno, nello stabilimento dell'ex Olearia Pugliese dismesso da anni.

No all'ipotesi d'insediare un inceneritore nello stabilimento in disuso della ex Olearia Pugliese a Modugno, alle porte di Bari. Il sindaco Nicola Magrone e l'intera giunta si dichiarano "assolutamente contrari" a quello che considerano "un grave rischio per la salute dei cittadini, con negativi impatti sanitari, sociali ed economici. Il Comune di Modugno ha presentato le proprie osservazioni nella procedura di Valutazione d'impatto ambientale in corso, spiegando le ragioni del no al progetto di un impianto di combustione rifiuti nel territorio di Modugno.
Il progetto di realizzare un inceneritore della potenza di 3,1 MW, che brucerebbe 70 tonnellate al giorno di combustibile solido da rifiuti, è stato presentato dalla curatela fallimentare della ex Olearia, stabilimento inattivo da anni.
"Non smettono una volta per tutte di aggredire e di violentare il nostro ambiente", protesta Magrone. E annuncia: "Noi non molleremo".