Caccia a Tommy Parisi, il figlio di Savinuccio

BARI di Redazione AntennaSud

 

Tommy Parisi, figlio del boss Savinuccio, è latitante. Anche lui sarebbe dovuto essere arrestato martedì, ma si è reso irreperibile. Cantante neomelodico, incensurato, secondo il gip del tribunale di Bari era il "corriere" del padre, nel periodo degli arresti domiciliari.

C'era anche il suo nome tra quello degli affiliati al clan Parisi da arrestare, tra le ordinanze eseguite martedì dalla polizia di Bari. Tommy Parisi, figlio del boss di Japigia Savinuccio, di professione cantante neomelodico, è latitante. Incensurato, con nove cd pubblicati alle spalle, numerose apparizioni televisive e partecipazioni al Festival di Napoli. L'estate scorsa il sindaco di Bari Antonio Decaro aveva negato l’autorizzazione al suo concerto il 2 agosto sulla spiaggia di Pane e pomodoro.   
Lui si dichiara orgogliosamente incensurato, ma nell'ordinanza di custodia cautelare il gip scrive che "Savino Parisi, in quanto detenuto, si serviva del figlio Tommaso non solo per avere notizie in ordine all’attività illecita svolta e agli equilibri all’interno del clan, ma anche per veicolare messaggi e direttive all’esterno del clan".

Scrivi commento

Commenti: 0