Allerta rientrata al Porto di Brindisi sulla nave carboniera

BRINDISI di Redazione AntennaSud

 

Rientrata in mattinata l'allerta che era scattata ieri al porto di Brindisi, per l'innalzamento della temperatura oltre i livelli di guardia in una cisterna della nave carboniera ormeggiata a Costa Morena. Stiva svuotata e temperatura di nuovo sotto controllo, informa Enel Puglia.

Al porto di Brindisi è rientrata l'allerta sulla nave Sunny Putney, con a bordo un carico di 60.800 tonnellate di carbon fossile destinate alla centrale termoelettrica Federico II di Cerano. Svuotate le stive e temperature di nuovo nei limiti, informa Enel Puglia in una nota, spiegando che "il personale dell'azienda elettrica ha portato a termine le operazioni di scarico della stiva nella quale era stato rilevato un innalzamento della temperatura che comunque è stata sempre al di sotto dei livelli di allarme".
Enel precisa che "la temperatura nelle rimanenti stive non presenta criticità e, come sempre avviene durante la permanenza delle navi carboniere all'interno del porto, la situazione viene costantemente monitorata dal personale Enel e dalla Capitaneria di porto". "Le operazioni di scarico delle rimanenti stive - conclude la nota - proseguiranno regolarmente nei prossimi giorni".

L'allerta era scattata ieri nel porto di Brindisi per l'innalzamento della temperatura a bordo della nave carboniera battente bandiera di Singapore, ormeggiata alla banchina dell'Enel a Costa Morena. La Capitaneria di porto e i Vigili del fuoco hanno subito attivato il protocollo di sicurezza previsto in questi casi, sottoponendo la nave a monitoraggio continuo.