Il Gruppo Winston vuole acquistare il Bari ma Paparesta frena

BARI di Redazione AntennaSud 

 

Il Bari calcio non brilla in campionato ma la società biancorossa con a capo il presidente Gianluca Paparesta sembra intenzionata a non mollare di fronte alla richiesta sempre più pressante del Gruppo Winston dell'imprenditore cinese Hermann Cheng che sarebbe disposto ad acquistare la società secondo una valutazione che oscilla fra i 12 e i 15 milioni.  

 

Cori e insulti dei tifosi all'antistadio dopo la sconfitta di Chiavari con l'Entella: il Bari è stato contestato ieri pomeriggio alla ripresa degli allenamenti. I sostenitori presenti hanno riservato critiche e proteste ai calciatori.  Se la squadra arranca in campionato, sul fronte societario il gruppo Winston torna alla carica per chiedere che vada avanti la trattativa per l'acquisto del Bari calcio, ad oggi congelata dopo le sichiarazioni di chiusura espresse dal presidente del Bari, Gianluca Paparesta. Con una nota firmata dall'advisor Leo Volpicella per conto dell'imprenditore cinese Herman Cheng, i potenziali acquirenti chiedono al presidente del Bari di sciogliere il vincolo di riservatezza firmato ben 2 volte per poter fornire all'opinione pubblica ogni dettaglio utile ad una migliore e serena comprensione della vicenda. Il Gruppo Winston giudica inaccettabile ridurre il tutto al dubbio creato dalle ingiustificate dichiarazioni rese direttamente dal presidente del Bari circa l'inesistenza di adeguate capacità finanziarie da parte del gruppo Winston. Da qui la proposta con una prima valutazione: il gruppo è pronto a valutare il 100 per cento delle azioni di FC Bari per un importo compreso tra i 12 e i 15 milioni di euro, oltre a mettere a disposizione un consistente budget che sarà stanziato per garantire il raggiungimento dei risultati soportivi che una città come Bari auspica da anni. In caso di promozione in seria A i potenziali compratori aumenterebbero l'offerta con il riconoscimento di un premio. Pe rformalizzare l'offerta di acquisto vincolante, Volpicella indica la condizione che sia completata una dettagliata analisi del bilancio. Al riguardo, spiega Volpicella, la società biancorossa nega ad oggi questa possibilità al gruppo Winston non comprendendone i motivi reali, creando di fatto una discriminazione immotivata nei confronti dello stesso gruppo.