Bari, iniziativa del Comune: soldi a chi si muove in bicicletta

BARI di redazione AntennaSud

 

 

Buoni per chi si sposta in bici in città. E' solo una parte di un progetto  sul quale sta lavorando il Comune di Bari che potrebbe usufruire dei  finanziamenti alla mobilità sostenibile introdotti dal collegato ambientale alla legge di Stabilità.

Piccoli buoni in denaro per chi utilizzerà la bici negli spostamenti casa-lavoro o casa-scuola. L'idea che ricalca il modello francese sta per concretizzarsi in progetto al Comune di Bari. "Noi chiederemo alle aziende di presentarci dei piani di mobilità sostenibile e li valuteremo" - spiega il direttore generale del Comune di Bari Davide Pellegrino. La proposta sarà presentata al ministero dell'Ambiente che, con il collegato ambientale, ha messo sul piatto 35 milioni di euro di incentivi green per le città con più di 100mila abitanti.

I dettagli sono per ora tutti da definire ma il progetto c'è, anche perché il Comune non vuole mancare l'perdere la possibilità dei finanziamenti alla mobilità sostenibile introdotti dal collegato ambientale alla legge di Stabilità. Ed è stato proprio il sindaco Antonio Decaro, da sempre sostenitore delle due ruote, sin da quando era assessore alla mobilità ai tempi di Emiliano, a insistere per lavorare in questa direzione trovando terreno fertile poi con il direttore generale. In questi giorni c'è stato anche un confronto con il Comune di Milano che ha avuto la stessa idea di Bari per i voucher: a Palazzo Marino pensano a un rimborso di 25 centesimi a chilometro al lavoratore che, tramite un'app, certifica di spostarsi in bicicletta. La App per il cellulare, presentata qualche giorno fa nel corso di un convegno scientifico servirà a creare, da un lato, comunità virtuali di persone che vanno in bicicletta; dall'altro, a monitorare le condizioni di salute legate all'uso della bicicletta. "Vogliamo puntare - dichiara Pellegrino - sulla gamification ovvero l'utilizzo del gioco per fare cose serie". In poche parole si punta a creare comunità virtuali da mettere in competizione con la formula del gioco: ci saranno sfide tra quartieri, tra scuole, tra aziende o persino condomini per vedere chi usa di più la bicicletta. E chi vincerà otterrà un premio, un po' come avvenuto nella sfida della raccolta differenziata tra quartieri: il rione più virtuoso ha vinto alcune giostrine. L'altra novità consiste nel monitoraggio delle condizioni di salute. Nei progetti del Comune la App sarà collegata con i medici di famiglia perché possa essere indagato il miglioramento della salute in base agli stili di vita e all'uso della bici.