Il rito dei falò in Puglia, presentato "Fuorifuoco"

TARANTO  di Redazione AntennaSud 

 

Si chiama "Fuorifuoco" il documentario sui riti legati ai falò in Puglia, San Ciro di Grottaglie, Sant'Antonio Abate di Novoli, San Giuseppe di San Marzano di San Giuseppe, Fucarazza di Carosino, presentato e proiettato per la prima volta a Grottaglie nel teatro del chiostro della chiesa di San Francesco di Paola. 

 

Si tratta di un reportage della durata di trenta minuti che vuole consegnare alle future generazioni le tradizioni sacre e popolari legate ai culti del fuoco, confluiti dagli inizi pagani nella rappresentazione cristiana e protagonisti della devozione per i santi. Il lavoro è stato prodotto dall'agenzia Amigdala, dinamica e giovane realtà grottagliese, scritto da Giovanni Blasi, con riprese curate dallo stesso scrittore, montaggio a cura di Valeria Pesare con la partecipazione di Girgio Consoli e musiche affidate a Elio Dubla e Dino Semeraro. Le varie testimonianze sono state raccolte nell'arco di un anno in alcune realtà pugliesi: da Grottaglie con la focara dedicata al santo patrono, San Ciro a Novoli con la focara di Sant'Antonio Abate, alla fucarazza di Carosino, ai falò di San Giuseppe a San Marzano. Fuorifuoco alterna al racconto le immagini delle fasi preparatorie dei falò, interviste e commenti dei protagonisti, dal messaggio dell'arcivescovo di Taranto, Filippo Santoro, raccolto in una delle cerimonie, ai ricordi degli anziani, alla voce delle istituzioni e dei giovani del territorio.