Condannato Farace, minacciò dipendenti

BARI  di Redazione AntennaSud

 

Il Tribunale di Bari ha condannato Luigi Farace, ex presidente della Federcommercio di Bari, alla pena di 3 anni e sette mesi di reclusione e al pagamento di 700 euro di multa, oltre alla pena accessoria dell'interdizione dai pubblici uffici per cinque anni, per i reati di estorsione e tentata violenza privata. 

Condanna a 3 anni e sette mesi per l'ex presidente della Camera di Commercio di Bari, Luigi Farace che dovrà risarcire i danni da liquidarsi in sede civile ad Antonio Fiore e Cesarea Spagnoletti, difesi dall'avvocato Claudio Spagnoletti. Stando alle indagini della Procura di Bari coordinate dal pubblico ministero Patrizia Rautii, Farace avrebbe minacciato i due ex dipendenti di Federcommercio di licenziarli e di non assumerli nella nuova associazione che stava creando se non si fossero dimessi volontariamente, rinunciando così al trattamento di fine rapporto e altre spettanze lavorative. Con questo timore, i lavoratori sarebbero quindi stati indotti a firmare una lettera di dimissioni e un verbale di conciliazione avente per oggetto una vertenza di lavoro in realtà inesistente. Sempre secondo la Procura in questo modo ai dipendenti non sarebbero stati realmente versati i soldi per l fine del rapporto lavorativo e la liquidazione spettante. I fatti contestati nel processo risalgono al lontano 2006. La giustizia per dirimere una causa di lavoro dopo dieci anni finalmente è arrivata al dunque.